Nel trimestre ottobre-dicembre i dati Istat hanno rilevano un lieve incremento degli occupati, dunque la disoccupazione scende al 10,8 %. L’incremento interessa sia gli uomini (disoccupazione -0,9%) sia, in maniera più marcata, le donne (disoccupazione – 2,6%).
Il quadro generale non è, però, del tutto positivo. Se da un lato la disoccupazione diminuisce, dall’altro cala l’occupazione (-2,5%) e crescono gli inattivi, ovvero coloro che non cercano lavoro (+0,4%). A dicembre 2017 la stima degli occupati diminuisce dello 0,3% e il calo interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni. Su base annua si conferma l’aumento degli occupati (+0,8%).
POLETTI – “I dati Istat di dicembre evidenziano, al di là delle oscillazioni e delle correzioni mensili, un mercato del lavoro non ancora pienamente assestato, ma che conferma i miglioramenti di medio-lungo periodo: gli occupati sono 173mila in più su base annua, i disoccupati sono 273mila in meno, con un tasso di disoccupazione che scende al 10,8%”. Così il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti. “Confidiamo – aggiunge – che nei prossimi mesi una spinta positiva per l’incremento dell’occupazione possa venire dagli incentivi mirati per l’assunzione a tempo indeterminato dei giovani”.

Share