Roma, 5 Gennaio.

Lo scorso 29 Dicembre l’Istat ha comunicato che nel mese di Novembre 2017, l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria è aumentato dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 2,5% nei confronti di Novembre 2016.
I prezzi alla produzione dell’industria aumentano, per il mercato interno, dello 0,4% rispetto ad ottobre e del 2,8% su base tendenziale. Al netto del comparto energetico, si sono rilevati incrementi dello 0,1% – in termini congiunturali – e del 2,0% rispetto a Novembre 2016.
Per il mercato estero, spiega la nota dell’Istat, si rileva un aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente (0,2% per l’area euro e dello 0,3% per quella non euro). In termini tendenziali si registra una crescita dell’1,7% (+2,1% per l’area euro e +1,4% per quella non euro)”.
Il settore di attività economica per il quale si rilevato l’aumento tendenziale dei prezzi più ampio, sia sul mercato interno sia sul mercato estero, è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, con una crescita rispettivamente del 10,9% e del 17,1%.
Nel terzo trimestre 2017, sottolinea l’Istat, l’indice totale dei prezzi alla produzione dei servizi aumenta dello 0,2% nei confronti del trimestre precedente e dell’1,0% su base annua.”
Viene infine rilevato che “I settori che registrano gli aumenti tendenziali più elevati sono il trasporto marittimo e costiero (+15,7%) e la movimentazione merci (+3,8%). Le diminuzioni tendenziali più ampie si rilevano per le telecomunicazioni mobili (-2,9%), per il trasporto di merci su strada e il magazzinaggio e custodia (entrambi -2,3%)”.

(Dati e fonte Istat www.istat.it )

Share