Roma, 10 Novembre.

Lo scorso 7 Novembre il GSE ha aggiornato, il Contatore per la visualizzazione dei dati principali inerenti all’andamento del Conto Termico, (il disposivo incentivante regolato dal DM 16 Febbraio 2016).
Viene quindi sottolineato che dal 31 Maggio 2016 sono arrivate al GSE circa 40.250 domande, per un totale di circa 177 milioni di incentivi richiesti, di cui 89 relativi a richieste di soggetti privati e 88 milioni relativi a richieste della Pubblica Amministrazione (di cui circa 67 milioni mediante prenotazione).
Dall’avvio del meccanismo al 1 Novembre 2017, risultano ammesse all’incentivo circa 55.700 richieste, per un totale di circa 206 milioni di incentivi impegnati, di cui 172 in accesso diretto.
Il Gse comunica che totalmente , circa 140 milioni sono afferenti a interventi effettuati da privati e 66 milioni sono attinenti a quelli realizzati dalle Pubbliche Amministrazioni (di cui 34 milioni mediante prenotazione).
Limitatamente agli incentivi riconosciuti in accesso diretto, l’impegno di spesa annua cumulata per il 2017 è di 88,9 milioni, di cui 73,6 per i privati e 15,3 milioni per le PA mentre, per il 2018, è di 14,4 milioni, di cui 12,1 per i privati e 2,3 per le Pubbliche amministrazioni.

Il Gestore specifica che “l’impegno di spesa annua riferibile agli incentivi richiesti mediante prenotazione è determinato all’avvio lavori, per la quota di acconto, e alla loro conclusione per il saldo”.

(Fonte Gse www.gse.it)