Roma, 3 Ottobre.

Sulla Gazzetta Ufficiale n.226 del 27 Settembre 2017 è stata pubblicato il Dcpm del 21 Luglio 2017 recante “Riparto del fondo per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese, di cui all’articolo 1, comma 140, della legge 11 dicembre 2016, n. 232”. Il Decreto va a ripartire il Fondo Investimenti da 46 miliardi di euro. Tale Fondo è stato sancito grazie alla Legge di Bilancio 2017 (Art. 21 della Legge dello Stato 11/12/2016 n. 232). Lo scorso Luglio il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva diffuso una prima ipotesi di ripartizione delle risorse con gli interventi da finanziare, esempio: 800 milioni di euro (sui 46 milioni citati ) per il risanamento delle periferie urbane con cui si andavano ad erogare altri 50 progetti su 120 approvati. Il provvedimento, invece, pubblicato in Gazzetta, ha cambiato alcune ripartizioni. Nella tabella allegata al Decreto, calano, infatti, i finanziamenti per le infrastrutture (ad esempio i lavori pertinenti alla rete idrica e fognaria ( 2,6 miliardi di euro) nonchè l’informatizzazione del sistema giudiziario ( 1,2 miliardi di euro) e il capitolo sulla progettazione degli interventi sulle infrastrutture. Aumentano, di contro, le risorse per l’edilizia scolastica, trasporti e viabilità, attività industriali, edifici pubblici, abbattimento di barriere architettoniche, riqualificazione delle stazioni ferroviarie.