Roma, 30 Ottobre.

Sono in arrivo 1,2 miliardi di euro della Comunità Europea che sono stati assegnati all’Italia al fine di sopperire alle spese post-terremoto 2016. L’erogazione arriva dal “fondo solidarietà” gestito direttamente da Bruxelles.
Il fondo prevede l’attivazione qualora si verifichino viene catastrofi di livello nazionale.
Lo stanziamento, è stato deciso a Giugno 2017 dalla Commissione Europea, ed è stato ratificato in via definitiva dal Parlamento europeo a metà settembre.
Una nota della Commissione Europea ha annunciato che “Nei prossimi giorni l’Italia riceverà il versamento di 1,2 miliardi di euro dal Fondo europeo di solidarietà per aiutare la ricostruzione nelle zone del centro Italia colpite dalle scosse di terremoto del 2016 e 2017″. La stessa Commissione Ue a Giugno aveva proposto lo stanziamento che è il più elevato da quando esiste il Fondo di solidarietà.
La somma stanziata è messa a disposizione delle autorità Italiane al fine di dar avvio alla ripresa di tutte le attività economiche e coprire i costi dell’emergenza nonché la protezione del patrimonio culturale italiano. I Fondi saranno messi a disposizione delle autorità italiane per supportare la ripresa delle attività economiche, coprire i costi dell’emergenza e per la protezione del patrimonio culturale.
La Commissaria Ue alla politica regionale ha commentato che “Con questo stanziamento noi manteniamo la nostra promessa di stare accanto all’Italia durante il processo di ricostruzione”.