Roma, 1 Settembre.

L’Istat, con la nota diffusa lo scorso 28 Agosto, ha comunicato che l’indice del clima di fiducia delle imprese, nel mese di agosto, ha avuto un andamento eterogeneo. In particolare, spiega la nota “il clima di fiducia aumenta nel settore manifatturiero e in quello dei servizi passando, rispettivamente, da 107,8 a 108,1 e da 105,1 a 107,0; invece nelle costruzioni e nel commercio al dettaglio l’indice è in diminuzione (da 131,1 a 128,4 e da 108,8 a 105,3, rispettivamente).”
L’analisi delle componenti dei climi di fiducia delle imprese ha evidenziato , nel comparto manifatturiero, un aumento delle attese sulla produzione in presenza di un lieve peggioramento dei giudizi sul livello degli ordini e di una diminuzione del saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino. Nel settore delle costruzioni, viene specificato, “sia i giudizi sugli ordini sia le aspettative sull’occupazione presso l’impresa sono in peggioramento”.
L’Istat, infine, mette in rilevo che “Nei servizi, migliorano sia le aspettative sugli ordini sia i giudizi sull’andamento degli affari; invece, i giudizi sugli ordini registrano un lieve peggioramento. Nel commercio al dettaglio si registra una diminuzione sia del saldo relativo alle vendite correnti sia di quello relativo alle aspettative sulle vendite future; le scorte di magazzino sono giudicate in accumulo rispetto al mese scorso.”

(Dati e fonte Istat www.istat.it)