Roma, 22 Settembre.

Dallo scorso 19 Settembre, tramite il portale “finanziaria 2017” dell’Enea è possibile inviare all’Ente la documentazione inerente agli interventi realizzati su parti comuni di edifici condominiali che abbiano i requisiti per usufruire delle detrazione del 70 e 75%.
Viene specificato dall’Enea che il portale preposto “è dedicato all’ invio telematico all’ENEA della documentazione necessaria ad usufruire delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente (istituite con legge finanziaria 296/2006) che, in seguito alla pubblicazione (nella Gazzetta Ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2016) della Legge n. 232 del 11/12/2016 (Legge di Bilancio 2017), sono prorogate nella misura del 65% fino al 31 dicembre 2017 e nella misura del 70 % e 75%, per interventi realizzati su parti comuni di edifici condominiali, sino al 31 dicembre 2021.”
Il sito telematico per l’invio della documentazione è attivo dalla scorsa primavera
La documentazione da inviare all’Enea entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori, come da collaudo delle opere, esclusivamente attraverso l’apposito sito web relativo all’anno in cui essi sono terminati .(La richiesta di detrazione può essere trasmessa ad ENEA anche oltre i 90 giorni) sono i seguenti documenti:
•scheda tecnica redatta da un tecnico abilitato, coni dati di cui all’Allegato A al “decreto edifici” opportunamente modificato e integrato ;
•scheda descrittiva dell’intervento (Allegato E).

Viene, altresì, evidenziato che i requisiti tecnici specifici dell’intervento  devono riguardare i seguenti lavori:

  • parti comuni di edifici condominiali delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno e/o i vani non riscaldati e/o il terreno e interessare più del 25% della superficie disperdente;
  • sostituzione o modifica di elementi già esistenti (e non come nuova realizzazione in ampliamento);
  • strutture i cui valori delle trasmittanze termiche (U) siano superiori a quelli riportati nella tabella 2 dell’allegato B al D.M. 11 marzo 2008 come modificato dal D.M. 26 gennaio 2010;
  • sostituzione degli infissi e l’installazione delle schermature solari purché inseriti nei lavori previsti nella stessa relazione tecnica di cui al comma 1 dell’art. 8 del D.lgs. 192/005 e s.m.i. ed insistenti sulle stesse strutture esterne oggetto dell’intervento;

I lavori di intervento devono rispettare le condizioni riportate nel vademecum “schermature solari” nel caso dell’eventuale installazione delle schermature solari.

In allegato la guida Enea sulle parti comuni di un edificio.