Roma, 3 Luglio.

Anche la Regione Piemonte, dopo  altre 13  Regioni,  ha deliberato, lo scorso 19 Giugno, il recepimento dei moduli unificati e standardizzati per l’edilizia e le attività produttive, approvati dalla Conferenza Unificata lo scorso 4 Maggio.
La modulista unificata, in formato pdf dinamico, è disponibile sul sito web http://www.mude.piemonte.it/site/documenti-e-guide-per-i-comuni della Regione. Gli stessi moduli saranno resi disponibili al loro utilizzo telematico nel Mude Piemonte a far data dal prossimo 30 Giugno 2017.
Con altra delibera la Regione ha anche recepito e approvato “i moduli unificati e standardizzati attività artigianali” Si legge infatti sul sito telematico istituzionale della Regione che “Con D.G.R. 19 Giugno 2017, n. 20-5198 recante Adeguamento regionale della modulistica unificata e standardizzata in materia di attivita’ commerciali e assimilabili, in particolare per alcune attivita’ artigianali, approvata in sede di Conferenza Unificata con l’Accordo del 4 maggio 2017 è stata adottata la modulistica unificata e standardizzata, integrata con gli specifici adeguamenti regionali in materia di attività commerciali (All.1) e assimilabili, in particolare per alcune attività artigianali (All. 2), nonché le relative istruzioni operative sull’utilizzo della nuova modulistica approvata in sede di Conferenza Unificata con l’Accordo del 4 maggio 2017″
Come già ricordato, in base all’articolo 2 del testo apporovato in Conferenza Unificata, le Regioni dovevano provvedere entro il 20 Giugno 2017, ad adeguare in relazione alle specifiche normative regionali, i contenuti informativi dei moduli unificati e standardizzati, utilizzando le informazioni contrassegnate come variabili. I Comuni dovranno poi adattare i moduli in uso sulla base delle previsioni dell’accordo entro e non oltre il 30 Giugno 2017.

Oltre il Piemonte le altre 13 Regioni o Province autonome, ad oggi, che hanno adottato  o approvato la nuova modulistica sono le seguenti:

Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Valle D’Aosta,  Veneto, Provincia Autonoma di Trento.