Roma, 7 Giugno.

Vasco Errani, Commissario del Governo per la ricostruzione nei territori interessati dal sisma del 24 agosto 2016, ha firmato l’ Ordinanza n.26 del 29 Maggio 2017 recante “Linee direttive per la ripartizione e l’assegnazione delle risorse per la costituzione ed il funzionamento degli Uffici speciali per la ricostruzione e modifiche all’ordinanza n. 1 del 10 novembre 2016 recante “Schema tipo di convenzione per l’istituzione dell’Ufficio comune denominato Ufficio speciale per la ricostruzione post sisma 2016” di cui all’art. 3 del decreto legge 17 ottobre 2016, n. 189”.

L’Ordinanza firmata è composta da 5 articoli così titolati:

  • Trasferimento delle risorse;
  • Modifica dell’ordinanza n. 1 del 10 novembre 2016;
  • Disposizione finanziaria;
  • Dichiarazione d’urgenza e provvisoria efficacia.

Nell’Ordinanza vengono ripartite le risorse per le spese di funzionamento degli Uffici speciali per la ricostruzione “in considerazione dell’entità dei danni subiti dal territorio di ciascuna Regione,del numero dei potenziali beneficiari dei contributi previsti dal decretolegge n. 189 del 2016,della varietà e della complessità dei compiti e delle funzioni attribuite agli Uffici speciali per la ricostruzione, nonché della loro composizione, le risorse previste dall’articolo 3, comma 1-ter, del decreto legge n. 189 del 2016per spese di funzionamentodegli Uffici medesimi sono ripartite come segue fra le Regioni interessate dagli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016:

a) per il 10% alla Regione Abruzzo;

b) per il 14% alla Regione Lazio;

c) per il 62% alla Regione Marche;

d) per il 14% alla Regione Umbria.

L’Articolo 2 dell’Ordinanza specifica che “Al fine di assicurare la piena funzionalità degli Uffici speciali per la ricostruzione, le risorse previste per l’esercizio 2017 sono corrisposte a titolo di anticipazione nella misura del 50% dell’importo complessivo stanziato. A tal fine, entro quindici giorni dall’entrata in vigore della presente ordinanza, ciascun Presidente di Regione Vicecommissario provvede a comunicare al Commissario Straordinario, ai fini del rimborso  degli oneri già sostenuti per il primo avvio degli Uffici medesimi da parte di ciascuno degli Enti aderenti alla convenzione di costituzione  stipulata in  attuazione dell’ordinanza  n.  1  del  10  novembre  2016  e dell’anticipazione delle somme occorrenti per completarne l’allestimento, i dati relativi alle spese di funzionamento a valere sulle risorse previste per l’esercizio 2017.”

Altresì viene evidenziato che “Entro quindici giorni dal ricevimento della comunicazione prevista dal comma 1, il Commissario straordinario provvede al trasferimento sulle contabilità speciali intestate ai Presidenti delle Regioni Vicecommissari delle risorse di cui all’articolo 4 del decreto legge n. 189 del 2016 nei limiti di spesa previsti dall’art. 3, comma 1-ter, del medesimo decreto legge secondo le percentuali stabilite nell’articolo 1 della presente ordinanza commissariale.

Il Punto 3 dell’Articolo 2 specifica che “La quota residua delle risorse relative all’ esercizio 2017 è erogata a saldo, a conclusione dell’esercizio, previa presentazione del rendiconto e tenendo conto in ogni caso di quanto già corrisposto in base al precedente comma 2.”

Infine,  le spese di funzionamento relative all’esercizio 2018, ed a valere sulle risorse previste per il medesimo esercizio, “saranno rimborsate con cadenza trimestrale secondo i tempi e le modalità previsti dai paragrafi 3 e 4 dell’articolo 9 dello schema di convenzione, adottato con l’ordinanza n. 1 del 10 novembre 2016, come modificato dall’articolo 3 della presente ordinanza”.

(Fonte:  Commissario straordinario per la ricostruzione – sisma 2016 https://sisma2016.gov.it/)