Roma, 21 Aprile.

L’Istat, con la nota diffusa ieri, ha comunicato che a Febbraio 2017, rispetto a Gennaio, l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni ha registrato un aumento del 4,6%, recuperando totalmente la flessione di Gennaio .

Anche nella media del trimestre Dicembre-Febbraio si riscontra un incremento, rispetto ai tre mesi precedenti, pari all’1,0%.

L’istituto di statistica sottolinea che “Su base annua, a febbraio 2017 si registra un aumento dell’1,6% per l’indice della produzione nelle costruzioni corretto per gli effetti di calendario e una diminuzione del 2,6% per quello grezzo (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 21 di febbraio 2016).”

Sempre a febbraio 2017- continua la nota – gli indici di costo del settore diminuiscono, rispetto al mese precedente, dello 0,2% per il fabbricato residenziale e dello 0,3% per il tronco stradale, sia per quello con tratto in galleria sia per quello senza tratto in galleria.

Su base annua, gli indici del costo di costruzione aumentano dello 0,3% per il fabbricato residenziale, dello 0,6% per il tronco stradale con tratto in galleria e dell’1,1% per quello senza tratto in galleria.

Infine viene specificato che a Febbraio 2017, il contributo maggiore all’aumento tendenziale del costo di costruzione del fabbricato residenziale è da attribuire all’incremento dei costi dei materiali (facendo registrare +0,5 punti percentuali). Altresì il contributo maggiore all’aumento tendenziale degli indici del costo di costruzione dei tronchi stradali è dato dall’incremento dei costi dei materiali, sia per quello inerente a tratto in galleria (+0,8 punti percentuali) sia per quello senza tratto in galleria (+1,3 punti percentuali).

(Dati e fonte istat www.istat.it)