Roma 7 Aprile.

L’Istat, con la nota diffusa lo scorso 4 Aprile, ha comunicato che nel quarto trimestre 2016, sulla base delle stime preliminari, l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, sia per fini abitativi sia per investimento, non è variato rispetto al trimestre precedente ed è aumentato dello 0,1% nei confronti dello stesso periodo del 2015 (era -0,9% nel trimestre precedente).

L’Istituto di statistica evidenzia che “Seppur di appena un decimo di punto, si tratta per l’IPAB della prima variazione positiva su base annua, dal quarto trimestre 2011. Questa lieve crescita è dovuta principalmente ai prezzi delle abitazioni esistenti (+0,1%, da -0,6% del trimestre precedente), che invertono anch’essi la tendenza negativa iniziata cinque anni prima. I prezzi delle abitazioni nuove segnano invece una marcata attenuazione della flessione (-0,1%, da -2,0% del periodo precedente)”. L’acquisito dell’IPAB per il 2017 risulta pari a +0,1%.

Mentre viene sottolineato che il differenziale in valore assoluto tra la variazione tendenziale dei prezzi delle abitazioni esistenti e quella dei prezzi delle abitazioni nuovo si è ridotto, portandosi a 0,2 punti percentuali (da 1,4 del trimestre precedente del 2016).

Su base congiunturale – continua la nota – la stabilità è dovuta da una parte all’incremento dei prezzi delle abitazioni nuove (+0,5%), dall’altra alla diminuzione di quelli delle abitazioni esistenti (-0,2%)”.

“In media, nel 2016, i prezzi delle abitazioni sono diminuiti dello 0,7% rispetto al 2015 (quando la variazione rispetto al 2014 era stata pari a -2,6%), sintesi di un calo dei prezzi dello 0,9% per le abitazioni nuove e dello 0,6% per quelle esistenti ”.

Viene inoltre rilevato che il ridimensionamento del calo in media d’anno dei prezzi delle abitazioni si è manifestato in presenza di una crescita alquanto sostenuta del numero degli immobili residenziali compravenduti (facendo riferimento all’incremento del 18,9% registrato per il 2016 dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate).

Rispetto alla media del 2010, infine, lo scorso anno i prezzi delle abitazioni sono diminuiti del 14,6% . Rispettivamente:-2,3% le abitazioni nuove e -19,6%  abitazioni esistenti.

(Dati e fonte Istat www.istat.it )