Roma, 29 Marzo.

Inps, sta per avviare, sul proprio postale telematico, le modalità per poter calcolare la somma dell’Ape (anticipo pensionistico) sociale e volontario. Dal prossimo 1 Maggio, infatti, i lavoratori potranno chiedere l’anticipo pensionistico. In virtù di ciò, dal 2 Aprile sul sito dell’Istituto, si potrà calcolare la pensione maturata fino al momento delle dimissioni dal posto di lavoro (anticipo volontario), insieme al costo della rata, variabile a seconda del periodo di anticipo e corrisposta all’età di vecchia che si chiede (anticipo finanziario a garanzia pensionistica). Sarà quindi predisposto un simulatore sul sito web al fine di sapere l’esatta cifra corrisposta al lavoratore che intende richiedere l’Ape volontaria. Viene evidenziato che la Legge di Bilancio 2017 (art.25) prevede, per ciò che concerne L’Ape, un prestito richiesto dal lavoratore da restituire,  in quote mensili   e per dodici mensilità che consente di anticipare i tempi anagrafici e di servizio previsti dalla Riforma Fornero del 2012. Il prestito andrà restituito quando il lavoratore andrà in pensione.  La misura decorre in via sperimentale dal 1 Maggio 2017 fino al 31 Dicembre 2018. Per poter accedere al finanziamento bancario assicurato che va ad attivare l’Ape volontario viene previsto un tasso annuo nominale (Tan) che va ad aggirarsi al 2,75% in totale l’incidenza del rimborso dovrebbe, altresì aggirarsi al 4,75 per ogni anno di anticipo. (su una richiesta Ape dell’85% della pensione contando su una detrazione fiscale del 50% sulla quota interessi). L’inps fa sapere, riguardo al sito, tramite  il Presidente Tito Boeri che un aspetto fondamentale del portale  “è stata la riscrittura dei testi per aiutare i cittadini a capire attraverso una terminologia più semplice”. Sul calcolatore dell’Ape Volontaria Boeri  ha specificato che quest’ultimo serve “per aiutare i cittadini a capire cos comporta la scelata dell’Ape e poter quindi fare scelte consapevoli”.