Roma, 14 Febbraio.

Il fondo sviluppo e coesione (Fsc) ha assegnato due miliardi di euro di spesa per l’anno 2017 finalizzati ai Patti per il Sud. Il 75% di tale finanziamento va ad investire il sistema delle infrastrutture.

Viene evidenziato che i piani di erogazione, in accordo tra Governo o Città Metropolitane, sono all’interno di progetti e programmi che possono essere stati già finanziati precedentemente e quindi già avviati. In questo caso, però, il finanziamento con fondi Fsc prevede un completo e nuovi stanziamenti per alcune Regioni del Meridione.

Le risorse sono state così ripartite:

  • Regione Calabria 220 milioni di euro;
  • Regione Campania 511 milioni di euro;
  • Regione Puglia 380 milioni di euro;
  • Regione Sardegna 277 milioni di euro.

Viene sottolineato che gran parte delle erogazioni sono destinate alle infrastrutture e ambiente (ovvero tematiche quali: rifiuti, depuratori, dissesto idrologico; bonifiche siti inquinanti).

Ad esempio dei 511 milioni di euro previsti per la Regione Campania, 190 sono destinati per opere di depurazione idrica, dissesto idrologico, bonifiche e impianti di trattamento dei rifiuti organici e 116 milioni per la ri-forestazione e bonifica e montana e 120 milioni di euro per interventi straordinari su crisi aziendali. Sono di meno gli investimenti previsti per le infrastrutture con micro interventi da 1-3 milioni di euro.