Roma, 13 Gennaio.

Finanziamento di 100 milioni di euro dai fondi Inail per la realizzazione di nuovi edifici scolastici. Fino al 20 Gennaio prossimo, infatti, le Regioni potranno inviare all’Esecutivo le domande per la realizzazione di nuovi immobili  scolastici e innovativi  grazie ai 100 milioni di euro di investimenti immobiliari INAIL, previsti dalla Legge di Bilancio 2017.  Dopo il programma “sbloccascuole”, che prevede di liberare risorse degli Enti locali da spendere in conto investimenti per la realizzazione di nuovi edifici scolastici o alla riqualificazione di strutture già esistenti, il Fondo di 47,5 miliardi previsto dalla Legge di Bilancio 2017 e nonchè 700 milioni totali per il triennio 2017-2019, con la Determinazione n.1 del 2017  la struttura di Missione ItaliaSicura ha  sbloccato l’iniziativa che destina le risorse INAIL al piano di edilizia scolastica per la realizzazione di nuovi edifici scolastici innovativi con speciale attenzione architettonica, impiantistica, tecnologica, dell’efficienza energetica dell’antisismica.
Viene pertanto sottolineato che le dichiarazioni  di interesse, aperte dall’11 Gennaio scorso, dovranno essere inviate alla struttura di missione per l’edilizia scolastica di Palazzo Chigi entro e non oltre le ore 20 di venerdì  20 Gennaio 2017 all’indirizzo di posta elettronica certificata al seguente indirizzio di posta certificata: ediliziascolastica@pec.governo.it. Solo successivamente saranno selezionate le Regioni che potranno essere  ammesse all’erogazione delle risorse e verranno, contestualmente, definiti i criteri per la valutazione dei progetti da presentare. Le Regioni dovranno dare il proprio assenso dando la propria disponibilità  e pagando il canone di locazione degli edifici. Al fine di partecipare al bando, le Regioni devono compilare un modello predisposto indicando, nel testo, l’entità dell’investimento per il quale si manifesta interesse e dichiarando il proprio assenso a:

  • selezionare gli interventi di costruzione di nuovi edifici scolastici segnalati dagli Enti locali;
  • verificare che i lavori da svolgere siano proposti in aree nella piena disponibilità degli Enti locali;
  • individuare le procedure più consone per l’affidamento delle progettazioni, anche attraverso concorsi;
  • pagare all’INAIL i canoni di locazione dei nuovi edifici scolastici.