Roma, 29 Novembre.

Il Cipe ha sbloccato 15,2 miliardi di Fondi Sviluppo coesione “nazionale” (Delibera del 10 Agosto scorso). Sono previsti i finanziamenti per piani presentati dai Ministeri delle Infrastrutture, dell’Ambiente, dello Sviluppo Economico e dell’Agricoltura. Gli interventi sono stati programmati con le Regioni e grandi città nelle scorse settimane specificatamente con i “patti” per:  Firenze, Milano, Lazio e Lombardia. Gli accordi saranno finanziati con gli ultimi 10,9  miliardi Fsc 2014-2020, il 20% residuo dei fondi, che sono 49 miliardi, erano programmabili dal 2020. Un emendamento alla Legge di Bilancio 2017 ha modificato tale norma consentendo quindi di programmare anche 10,9 miliardi del 2017 (anche se la cassa partirà dal 2020). La Legge di Bilancio ha aumentato la dotazione del Fondo coesione di 650 milioni nel 2017 ; 800 milioni nel 2018 e un miliardo nel 2019. Tra i piani del Ministero delle Infrastrutture è programmato l’investimento per le metropolitane per un valore di 1,4 miliardi e risorse assegnate per investimenti urbani ed opere nelle città di Milano, Torino, Bologna e Brescia  nonché le Ferrovie di Roma, della Regione Umbria, Napoli, Bari Catania, Cagliari. Tali risorse vengono aggiunte oltre a quelle già inserite nei Patti per il Sud. Altri piani operativi riguarderanno strade, dighe, ferrovie, rinnovo di materiali rotabili (vagoni per tram e autobus) e piste ciclabili.