Roma, 28 Ottobre.

A causa del sisma che, purtroppo, ha nuovamente colpito l’Italia centrale la sera del 26 Ottobre il Consiglio dei Ministri, nella mattinata del 27 Ottobre, ha stanziato 40 milioni di euro per i primi interventi di massima urgenza nei territori colpiti.   Nel contempo è stato esteso lo stato di emergenza, già dichiarato, dopo il sisma del 24 Agosto scorso.  Viene specificato che le scosse hanno colpito i territori al confine tra Marche e Umbria facendo danni rilevanti ad edifici civili e religiosi nei Comuni di  Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera, Camerino, Tolentino, (tutti in provincia di Macerata). Non si sono registrate vittime ma migliaia sono gli sfollati. Molti edifici sono crollati e altri  sono inagibili. Le scosse sismiche sono state tre: la prima è stata rilevata alle 19.10 di magnitudo 5.4; la seconda alle 21.18 di magnitudo 5.9; la terza alle 23.42 di magnitudo 4.6. Altra scossa inoltre è stata avvertita il 27 Ottobre alle ore 8.21 di magnitudo 4.4.