Roma, 31 Ottobre

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, ha annunciato per le scuole dei comuni colpiti dal terremoto dello scorso 24 Agosto, lo stanziamento di 15,6 milioni di euro così ripartiti:

  • 3,5 milioni: per indagini diagnostiche sugli elementi strutturali e non strutturali dei solai e controsoffitti delle scuole;
  • 4,1 milioni: per interventi di carattere strutturale e di adeguamento a norma degli edifici scolastici più colpiti dal sisma;
  • 3,8 milioni: per interventi di adeguamento sismico delle scuole delle quattro regioni (fondi ex Protezione Civile);
  • 1,7 milioni: per continuare a garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche, trasporti scolastici, allestimento e arredo delle aule e degli ambienti supplementari, libri di testo e materiale didattico anche digitale, servizi di refezione, servizi di accessibilità per alunni e studenti disabili;
  • 1,6 milioni: per interventi integrativi al Programma Nazionale “La Scuola al Centro” (apertura pomeridiana delle scuole) nelle regioni colpite dal sisma;
  • 600.000 euro: per la realizzazione di progetti per ripristinare l’attività didattica ordinaria e ridurre il disagio sociale;

350.000 euro: per un piano di attività motorie e per l’acquisto di arredi o attrezzature per le attività sportive