Roma, 28 Marzo 2014.

“Il Governatore Visco ha centrato esattamente il problema, le corporazioni costituite sotto forma di corpi intermedi (Associazioni industriali e sindacali) esercitano, attualmente, un ruolo che costituisce un freno allo sviluppo. La concertazione necessaria a suo tempo si è trasformata in un ‘mercato’ e bene fa il premier Renzi a dire basta e assumersi le opportune responsabilità decisionali”.

Questo il commento del Presidente di Aniem, l’associazione delle piccole e medie imprese manifatturiere edili, Dino Piacentini.

“In effetti, così come è organizzato il sistema Confindustria – Cgil, Cisl e Uil ha portato all’assoluta cristallizzazione del mercato del lavoro e ad un moltiplicarsi di costi impropri che gravano sulla busta paga del lavoratore e quindi incidono sul costo del lavoro per l’azienda”, prosegue il Presidente di Aniem.

E ancora: “Aniem è uscita dai vecchi sistemi aderendo al sistema di Confimi Impresa, della quale è socio fondatore, che è senz’altro il modello nuovo da seguire per abbattere i costi di rappresentanza”.

Conclude Piacentini:”Auspichiamo che anche Confindustria inizi un processo in tal senso per dare l’esempio ai Sindacati dei Lavoratori”.

Share